Il mio mondo

Chiuditi in bagno, guarda l’orologio. Apri silenziosamente lo sportello dei farmaci. Ecco il barattolo. Svita il tappo piano, prendi quattro pillole, richiudi e metti a posto tutto. Uno, due, tre minuti. Scarica, apri il rubinetto del bidet per coprire il rumore. Mandale giù. È fatta, chiudi tutto e torna in camera. Il nome della sostanza non cambia niente. Non c’entra l’effetto. Ho sempre scelto di scappare da questa realtà. Avevo tredici anni. Mamma sapeva che fumavo le canne, anche mia sorella. Non l’hanno mai detto a papà. Sapevano che sarebbe impazzito, temevano il peggio. Lui lavorava tutto il giorno, ci […]

Leggi tutto

Box numero 17

Avevo conosciuto V. nei bagni della stazione di Santa Maria Novella. Doveva essere una bellissima ragazza, se non fosse stato per l’eroina che piano piano la stava consumando e le sciupava i lineamenti. Aveva 18 anni, tre più di me, ed un cane, Riot, un bellissimo Rhodesian che ci ha scaldato e protetto durante tutte le notti passate per strada Riot era un cane molto dolce e giocherellone, e si vedeva che era ormai abituato anzi, rassegnato, direi — a stare ovunque. Era l’ombra della sua padrona. Con Riot le giornate passate a bighellonare in giro in cerca di qualcuno […]

Leggi tutto

Atto di forza

Nella vita ti trovi spesso ad avere persone che hanno potere su di te. A me è successo tante volte, soprattutto a quattordici anni. Avevo appena iniziato a frequentare la prima superiore, quando mi è stato proibito di uscire di casa Tornare da scuola. Chiudersi in camera. Studiare, leggere delle nozioni, capire con quale metodo è meglio impararle a memoria. Non servono a niente. Quando ho finito, gioco alla Play, resto in silenzio, non parlo e non chiedo niente a nessuno. Non servono a niente le parole dei miei genitori, il loro volermi bene, lo psicologo da cui mi mandano. […]

Leggi tutto

Prevenzione di disagio giovanile e dipendenze: al via WeCare 4.0

Realizzato dal team WeFree di San Patrignano con il sostegno del Dipartimento Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei ministri coinvolgerà 20mila studenti in 4 regioni Ventimila studenti di scuole medie e superiori coinvolti, 80 incontri-dibattito, 32 workshop esperienziali, 16 format teatrali, 4 regioni interessate, 2 anni di attività educative. Sono i numeri del progetto WeCare 4.0, al via in quest’anno scolastico. Realizzato dal team WeFree della Comunità San Patrignano e finanziato dal Dipartimento Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri, WeCare 4.0 è la più grande campagna di prevenzione del disagio giovanile e delle dipendenze sostenuta dal Dpa […]

Leggi tutto

Anime senza tempo

Maya stava tornando a casa. Finalmente, dopo anni di lontananza dal suo paese natale, aveva deciso di farlo. Tornare da sua madre e da sua sorella, in quel piccolo paesino fra le montagne, significava sicuramente riaprire vecchie ferite, ma ora Maya era pronta ad affrontarle. La separazione dei suoi genitori e la morte del padre le avevano bruciato l’anima. Aveva odiato sua madre profondamente, riversando su di lei tutte le colpe. Non riusciva a perdonarla, a guardarla negli occhi e l’unica soluzione era stata quella di andarsene di casa. In tutto questo tempo trascorso in giro per il mondo, la […]

Leggi tutto

Sono proprio io quando gioco

Perché non posso giocare alla play? Perché se vado al parco a giocare a calcio, mia madre e la mia insegnante mi dicono ‘Bravo Michele’, mentre se sto quattro ore a giocare a FIFA con il joystick in mano, sono un disagiato? L’ho sempre pensato ma non l’ho mai detto a nessuno. Io sono un “nerd”. Sono un ragazzo del 2006 come tanti altri. Non sono l’unico che dopo la scuola ama immergersi nel proprio mondo, nelle proprie storie. I videogiochi e internet mi fanno stare bene e sinceramente non mi sento diverso da una persona che torna a casa […]

Leggi tutto

Un vuoto incolmabile

Avevo sempre un uomo al mio fianco. Forse era per la paura di rimanere sola e, soprattutto, per sostituire la figura del mio papà, che se ne andò di casa quando avevo solo tre anni Quando mio padre se ne andò ero ancora troppo piccola per capire cosa stesse accadendo. Non l’ho più visto per 18 anni. In tutto quel tempo la mia vita è stata molto movimentata, tra famiglie affidatarie, case famiglia, la strada e i periodi in cui stavo con mamma che nel frattempo si era risposata. Oggi me ne rendo conto. Mi è sempre mancato tanto quel […]

Leggi tutto

Ogni giorno

Pensi che non mi piaccia? Non me ne frega niente. Pensi che il problema sia come mi guardano i maschi e il fatto di non essere bella? Non mi interessa. Pensi che quello che dici sia intelligente, che io ci creda? Credi davvero di farmi male? Me ne rendo conto che è tutto un’enorme bugia, che non ha senso Ogni mattina mi sveglio, vedo mia sorella e poi mia madre che viene a cercarmi. Sento l’odore della colazione e mi nausea, ripenso a quello che ho fatto la sera prima, dopo cena. C’è troppa gente che si aspetta qualcosa da […]

Leggi tutto

Tutto e niente

Luca non riusciva mai a mettersi in luce. Arrancava sempre. Era timido, insicuro. Con gli amici, con le ragazze, sul lavoro. Loris invece aveva tutto, non gli mancava niente. Due caratteri diversi, due vite al contrario che arrivano a percorrere lo stesso cammino Io sto imparando un mestiere al caseificio di San Patrignano. Non lo avrei mai detto. All’inizio quando sono arrivato non ne volevo proprio sapere di stare qui a rimescolare litri di latte. Ora invece ho imparato un mestiere, fuori sarò qualcuno. Ne sono sicuro. Mi piace quello che faccio. Sono bravo. Sono orgoglioso di me. Non è […]

Leggi tutto

Il prezzo da pagare

Lui è il più figo della scuola. Tutte vorrebbero stare con lui e le mie compagne mi invidiano perché mi guarda sempre. È di quinta e quindi è molto più grande, io ho solo 16 anni e mi sento troppo bambina in confronto a lui Ogni volta che i nostri sguardi si incrociano mi sento importante, accettata e notata. Ma non mi è mai venuto a parlare, forse non sono bella abbastanza. Io vorrei andare da lui per parlarci, ma so che ogni tanto fa quelle cose con i suoi amici, gli ho visti spesso che fumano e bevono. Mia […]

Leggi tutto

Libera di scegliere

“A’ Katiù, e lasciali litigà, lèvate da lì!”. Questa è la frase con cui mio fratello esordiva ogni volta che i miei genitori litigavano. Mio fratello era più bravo di me: lui, per non vedere la violenza, si chiudeva in camera. Io, invece, non riuscivo a rimanere indifferente, mi mettevo sempre in mezzo a loro e facevo da scudo a mia madre: sentivo dentro di me che avrei dovuto proteggerla A casa mia i litigi erano frequenti. Accadeva soprattutto quando mio padre era ubriaco e si parlava dei soldi che mancavano. Mamma era l’unica che lavorava e quando tornava, le […]

Leggi tutto

La strada verso l’autonomia

Un laboratorio dove l’arte del mosaico diventa strumento di crescita per ragazzi con autismo. È il progetto lanciato dall’associazione “Cascina San Vincenzo”, una realtà che da anni lavora per offrire risposte e servizi a famiglie che fronteggiano una diagnosi di questa malattia Una tessera dopo l’altra, un colore accanto all’altro, in un lento e preciso susseguirsi di gesti e procedure. In un’officina inaugurata lo scorso aprile a Concorezzo, in provincia di Monza e Brianza, l’antichissima e nobile arte del mosaico è diventata lo strumento per permettere a un gruppo di ragazzi e ragazze con autismo di sviluppare abilità professionali e […]

Leggi tutto