fbpx

A Corinaldo l’anteprima di #ognigiorno

Il valore della vita in un progetto di sensibilizzazione rivolto ai giovani curato da San Patrignano e diretto da Luca Pagliari

La Fondazione Ania, impegnata da sempre nella sicurezza stradale, rinnova il sostegno alle iniziative targate WeFree, il progetto di prevenzione di San Patrignano. L’appuntamento è per giovedì 29 dicembre alle 21 nella sala delle conferenze Samory per l’anteprima di #ognigiorno.

#ognigiorno è il nuovo progetto realizzato dalla comunità grazie alla collaborazione con il giornalista Luca Pagliari e l’associazione Rose Bianche sull’asfalto che ha permesso la proiezione dell’omonimo docufilm dedicato a Francesco, scomparso a 14 anni a causa di un incidente stradale. La sua storia s’intreccia con la storia di Mihaela, una ragazza di San Patrignano, giunta verso la fine del suo percorso di recupero. Sul palco anche un ragazzo di Rose Bianche, Gianluca Serpicelli. Due storie apparentemente distanti, messe a confronto grazie all’alternanza della narrazione dal vivo e della proiezione del docufilm diretto da Luca Pagliari e che trovano il punto d’unione nel grande senso che, #ognigiorno, possiamo scegliere di dare alle nostre vite.

Può da un dolore così grande come la perdita di un figlio, un amico, un allievo, un fidanzato nascere una speranza? Siamo sempre consapevoli di come le nostre azioni possano incidere sulla vita degli altri? In che modo un’esperienza traumatica può cambiare le priorità della vita? E’ davvero possibile cambiare direzione?

Il format #ognigiorno vuole cercare una risposta a queste domande attraverso un viaggio nelle vite di chi è stato vittima diretta e indiretta di uno stile di vita scandito dalle dipendenze. Un approccio alla pari che vuole coinvolgere ed emozionare platee di giovani e non, ma soprattutto costruire insieme un messaggio positivo e condividerlo con loro: la vita è un bene irripetibile e prezioso, rispettala #ognigiorno.

Sicurezza stradale, tossicodipendenza, casualità, incoscienza, dolore e speranza racchiuse in questo racconto dove ognuno ha la sua storia da raccontare e dove tutti gli attori di questo progetto hanno creato una sinergia per veicolare un messaggio positivo “Il rispetto della vita, parte da quello per se stessi”.

Il giornalista Luca Pagliari: nato a Senigallia nel 1960, inizia ad infiltrarsi nelle piccole radio locali, trascinato dalla curiosità e soprattutto dall’istinto, quando ancora non è neppure adolescente. Autore e regista di numerosi documentari e cortometraggi, di opere teatrali e libri, ha accumulato una lunghissima serie di esperienze in radio (Direttore dei programmi RDS dal 1997 al 2001) ed in televisione. Dal 1997 è ideatore e conduttore su tutto il territorio nazionale di centinaia di incontri con gli studenti, mirati ad un’opera di sensibilizzazione, di informazione e di prevenzione, in merito alle problematiche giovanili ed ispirati dal principio che “La sensibilizzazione deve toccare corde profonde e coinvolgenti. È necessario utilizzare linguaggi diretti, privi di retorica e soprattutto credibili. I ragazzi hanno bisogno di esempi, non di consigli”.

Per conto della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha realizzato con successo due campagne nazionali contro l’uso delle sostanze stupefacenti e sulla sicurezza stradale. La linea comunicativa adottata e l’alto profilo dei contenuti, sono stati giudicati da esperti, insegnanti ed in primis dagli studenti, particolarmente efficaci ed innovativi. L’obiettivo dei vari format, attraverso musiche, filmati e testimonial, è quello di trasferire ai ragazzi, tenendo a debita distanza scontati consigli, false morali e bassa retorica, i valori positivi che sono alla base di un corretto stile di vita.