Io Vorrei

Portare la street art nei quartieri difficili d’Italia. È l’obiettivo del progetto lanciato dal cantante Cesare Cremonini in collaborazione con l’artista Giulio Rosk e giunto alla terza tappa a Napoli, dopo Palermo e Roma Quartieri nella morsa della criminalità e privi di bellezza urbana come di servizi. Il Ponticelli di Napoli, lo Sperone di Palermo e Roma Ostia: luoghi dove i più giovani pagano il prezzo più alto, scontrandosi con l’assenza di spazi e opportunità. Rioni dove la scuola rappresenta l’unica possibilità di emancipazione e incontro. Per questo proprio negli istituti scolastici ha preso vita il progetto “Io vorrei”, ideato […]

Leggi tutto

Un nodo in gola

Non riesco a spiegare cosa provo dentro. Rabbia, tristezza, delusione, solitudine. Anche in mezzo a mille persone io mi sento terribilmente solo L’abbandono, il vuoto, una voragine gigante che mi mangia dentro e spazza via ogni emozione positiva rimpiazzandola con vuoti incolmabili. Ecco cosa provo. Mi sento da meno rispetto a qualsiasi persona incontrata, mentre vorrei sentirmi importante, potente, invincibile. Il sogno di chiunque: essere una persona da ammirare. Fin da piccolo sono stato nell’ombra, nella speranza di essere visto da chi reputavo “importante” o “popolare”. Ma non era così. Mi sentivo completamente inutile, non considerato, vittima delle mie emozioni […]

Leggi tutto

Gang of Italy

Le bande giovanili sono un fenomeno datato e diffuso ma in Italia, di recente, stanno attirando maggiore attenzione. Il post-pandemia sta infatti rendendo questo fenomeno sempre più avvertito, in città come in provincia, al Nord e al Sud Fin dai primi mesi del 2022 in molte città italiane si sono verificati casi di aggressioni da parte di gruppi di giovani ai danni di persone, negozi, mezzi pubblici. L’ultimo caso, al momento in cui scriviamo, è capitato a Siena e ha fatto scalpore perché relativo a una banda tutta al femminile, di ragazzine di 14/15 anni; piccole bulle crescono, potremmo dire. […]

Leggi tutto

Esprimi un desiderio

Le stelle sono lì, incollate alla notte e aspettano solo i desideri espressi da qualcuno per potersi staccare. Mi tiene la mano camminando leggermente più avanti a me quasi per guidarmi e proteggermi in quel sentiero buio in mezzo al bosco. A tratti inciampo e non riesco bene a camminare sui ciottoli.  Ridiamo, prendendoci in giro a vicenda per il nostro modo di camminare: goffo e insicuro.  Agosto si sente nell’aria. Siamo giovani, spensierati e innamorati. E ci sentiamo invincibili. All’improvviso mi fermo per riprendere un po’ di fiato mentre lui continua a tenermi la mano. Nel buio non lo […]

Leggi tutto

I grandi non piangono mai

Accendo la macchina. Tiro il freno a mano, scendo e aiuto mia madre a caricare le borse della spesa, lei tiene il bimbo. È mio fratello ma lui mi chiama ‘Zio’. Ha tre anni. Saliamo in macchina, faccio per partire quando lui mi accarezza il braccio e mi dice: “Come sei forte Zio” Spesso mi dimentico di essere già grande. Ho trent’anni eppure a volte non mi sembra vero di essere arrivato a qui. Non penso di essere un adolescente, sia chiaro. È che semplicemente, vivendo, allontano dalla mente il tempo passato. Quello che ho fatto, quanto ho sofferto. E […]

Leggi tutto

Uno squillo

Rispondo al cellulare. Oppure no. Sono confuso. Spero di sentire una voce, quella voce. Ma potrebbe essere qualcun altro. E sarebbero problemi grossi, che non saprei come risolvere Driiiin,  Driiiiin. Squilla il telefono. E’ un numero che non conosco. Mi paralizzo, mi si ghiaccia il sudore. Sto aspettando che mi chiami Ibra, ormai sono due ore che è andato a prendere la roba. Sto male, mi fanno male le ossa, non ho la forza di alzarmi. Non è il suo numero questo. Forse mi sta chiamando da quello di un suo paesano? Che palle. Aspetterò che smetta di squillare, poi […]

Leggi tutto

La mia regina

A Perugia? La trovi ovunque. Non c’è bisogno che ti allontani dalla città. La trovi in qualsiasi piazza, alla stazione, a scuola. Ovunque. È come Bologna: una piazza di spaccio alla luce del sole. Io la prendevo a scuola. Avevo quattordici anni quando ho cominciato a fare uso di canne. Ho iniziato con i ragazzi più grandi, con quelli dell’ultimo anno. frequentavo la prima superiore, ma uscivo con quelli del quinto: una cosa insolita, è vero, ma io sono un tipo solare e espansivo, mi faccio voler bene e faccio amicizia in fretta. frequentavo l’artistico, che è vicino alla stazione, luogo […]

Leggi tutto

Imparare a volare

Arrivano le superiori e, non sapendo cosa fare, decido di seguire la mia migliore amica al Liceo. In realtà di studiare non me ne fregava niente. Volevo solo vivere la mia nuova vita, visto il prezzo che avevo dovuto pagare per girare con “loro” Ormai ero solo contenta di andare a scuola per stare con “i peggiori” della classe, quelli considerati fighi, e già il fatto di essere accettata nel loro gruppo per me era davvero un sogno. Mi sentivo grande quando si  parlava delle varie qualità della marijuana o di quale droga fosse più buona. Era quello il “prezzo” […]

Leggi tutto

L’altra metà di me

Avevo due anni quando hai deciso di andartene. Ero troppo piccola per ricordarmelo. Sicuramente mi volevi bene ma a quel tempo pensavi solo a te stesso, allo stile di vita che conducevi. Tra spaccio, soldi, crimini e droga… non c’era né spazio né tempo per occuparsi di una bambina Nonostante sapessi quanto fosse rigida la Svizzera e i suoi confini, sei partito per la tua città natale, Santo Domingo. Non sei più tornato indietro papà. Mai più. Anche volendo non avresti potuto, né legalmente, né economicamente. Ma a te non interessava, non volevi fare il padre. “Egoista”, “superficiale”. Avevo sempre […]

Leggi tutto

Domani

Mi sveglio la mattina sento battere e urlare mi giro il tipo che era con me non c’è, lo vedo e mi dice di vestirmi, in tanto vedo sbucare un poliziotto dalla finestra con la pistola puntata su di me … e penso “apposto stavolta mi mettono dentro” sento il poliziotto che dice di aprire, il tipo che era con me gli apre, entra nella stanza dov’ero io mi guarda “Anche tu qui?!?!?!”. Vedo il poliziotto sul balcone che abbassa la pistola dopo la sua domanda affermazione. Esco dalla stanza vedo altri 2 che conosco ma che non sapevo erano […]

Leggi tutto

Spiderman in corsia

Travestito da Uomo Ragno, il ventinovenne Mattia Villardita regala un sorriso ai bambini ricoverati negli ospedali pediatrici. Un impegno vissuto con dedizione e riconosciuto dal titolo di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Come tutti i supereroi degni di questo nome, anche Mattia Villardita ha una doppia vita: al mattino è un impiegato terminalista nel porto di Vado Ligure, ma nel tempo libero e quando c’è bisogno del suo intervento, si trasforma in un Uomo Ragno con un potere speciale, in grado di far sorridere i piccoli pazienti degli ospedali pediatrici. Impeccabile nel suo costume in tutto e per tutto […]

Leggi tutto

Cara me

Scrivo a te, Mery. Un messaggio importante da tenere a mente, scritto nero su bianco per non scordarlo mai, dedicato alla persona che devo valorizzare. La stessa persona a cui ho fatto così tanto male Sembrano così lontani quei tempi in cui avevi paura di vivere e spegnevi il tuo cervello per non sentire. Per non sentire quelle maledette sensazioni, quel senso di inferiorità che ti sei portata dentro da tutta la vita. Il problema è proprio questo: la tua iper-sensibilità. Lo sai bene, hai assaporato da poco la vita fuori da Sanpa e sai che devi fortificarti, in questi […]

Leggi tutto