Muore per overdose a 16 anni

Italia: muore per overdose a 16 anni

E' amareggiato don Antonio Mazzi.
Seduto all'interno della comunita' Exodus di Cassino, una delle tante da lui fondata, aspetta l'esodo dell'autopsia che in questo momento si sta svolgendo sul corpo di Tommaso Martini, il sedicenne di Cervaro, stroncato quasi certamente da una overdose di droga o di un'altra sostanza micidiale.
L'adolescente e' stato trovato privo di vita, ieri sera, dalla madre nel letto di casa. Inutile ogni tentativo di soccorso da parte dei medici del 118 prima e di quelli del pronto soccorso di Cassino poi. "Se l'autopsia dovesse confermare i sospetti avanzati dagli investigatori - spiega don Mazzi - la morte del ragazzo pesera' sulla coscienza di tutti, soprattutto delle istituzioni e di coloro che nei piccoli paesi dovrebbero effettuare opera di informazione e di prevenzione. Sono amareggiato, anzi provo una sensazione di sconfitta visto che a Cervaro io stesso sedici anni fa, in tempi non sospetti ma comunque con dati alla mano, avevo manifestato l'intenzione di aprire un'altra comunita' Exodus in alternativa a quella di Cassino. Nel centro di Cervaro non sarebbe avvenuto il recupero dei tossicodipendenti come accade in tutte le altre mie comunita' d'Italia, ma grazie ad un progetto innovativo e pilota avevamo intenzione di dar vita ad un centro di aggregazione giovanile. In pratica con l'aiuto di psicologi, psicoterapeuti e personale qualificato avremmo potuto 'tastare' il polso della situazinoe e comprendere cosa in quel paese spingeva i ragazzi a uso di droga e alcool fuori dal normale.
Questo progetto e' stato ampiamente osteggiato dall'allora sindaco e da tutto il paese che pensava volessimo portare a Cervaro droga e perversione. Oggi il ragazzo deceduto e tutti gli altri ragazzi morti negli ultimi due anni pagano lo scotto di una grande chiusura mentale e di un atteggiamento ostico".