Strumenti

La nostra esperienza

Per i professori e gli educatori spesso non è facile entrare in argomento di droghe e dipendenze.
Ecco quindi a disposizione alcuni strumenti che possono facilitare un po’ il compito.

Studenti/Insegnanti

Sono Proprio Io quando..

Come vorrei sentirmi sempre così bene come quando faccio quello che mi piace. Come vorrei che anche agli altri piacessi per quello che sono e che trovassero interessante quello che faccio. Perché se fosse così io starei meglio. Ma non è facile. Non riesco sempre a portare in mezzo agli altri le mie passioni e i miei sogni… me stesso. Perdo sempre un pezzettino per strada. E ne porto a casa un altro che piace più agli altri che a me. Perché? Perché ho una tremenda paura di restare da solo. È un argomento centrale del progetto WeFree, lanciato due anni fa e mantenuto in tutti gli incontri con gli studenti. Loro si raccontano a parole, oppure lasciando i loro pensieri su foglietti bianchi, anonimi, che abbiamo pensato di pubblicare. Piccoli, grandi frammenti di storie
Ma che cos’ è “Sono Proprio Io”?
“Sono Proprio io” è il titolo dei sei libretti contenenti i pensieri degli studenti incontrati dai ragazzi del progetto WeFree. Frasi e foto per rappresentare una generazione che forse aspetta solo di essere ascoltata. Durante il nuovo anno scolastico tutti gli studenti e gli insegnanti che parteciperanno al progetto di prevenzione ne avranno una copia; potranno così conoscere i pensieri dei ragazzi, trovare spunti di riflessione e argomenti di confronto per dare continuità al dialogo.

Tema in classe:

La droga

Droga e tossicodipendenza, un problema che quando non ci tocca sembra non appartenerci, non essere meritevole di attenzione. Quasi che il parlarne sia, già di per sé, motivo di fastidio o di vergogna. Eppure è quasi certo che tutti, prima o poi, possano essere sfiorati da esso.
Per questo, San Patrignano ha studiato un “learning object” per le scuole. Uno strumento di apprendimento su libro e supporto CD, completo di contenuti educativi e aggiornabili, utili a stimolare la discussione e la riflessione su un tema così difficile.
Con il supporto di video e immagini, il racconto della vita di una ragazza si unisce a rimandi letterari e dati scientifici per conoscere e approfondire i problemi della droga e dell’emarginazione sociale.

“Un sano divertimento da sballo”

da Euromedia Research

I risultati della ricerca condotta da Euromedia Research per la Comunità San Patrignano in occasione dei WeFree Days 2014. Una continua ricerca del divertimento come risposta quindi a quella che è la maggior causa di insoddisfazione, in particolare nella fascia preadolescenziale, la noia, provocata in primis dal “fare sempre le stesse cose” o il “non fare nulla”. Una noia che per lo più può essere superata, in oltre il 66% dei casi dalla presenza degli amici.
Eppure gli stessi giovani si dicono molto soddisfatti della loro vita (89,4%) e dell’ambiente in cui vivono (85%), anche se poi sono divisi a metà nell’esprimere soddisfazione per ciò che offre la città, in termini di divertimento, interessi, cultura e lavoro, e la maggior parte dei ragazzi intervistati è alla ricerca di maggiori spazi di aggregazione, giardini e luoghi per attività musicali.

Leggi il pdf

MillwardBrown

Studia i format di Sanpa

Per una verifica della efficacia del lavoro di prevenzione svolto, le rappresentazioni teatrali sono state oggetto di un’approfondita indagine conoscitiva. In sintesi “gli spettacoli presentati sono risultati particolarmente riusciti ed apprezzati dalla maggioranza del campione esaminato”.

I ragazzi di 14/20 anni che hanno assistito ai format li hanno considerati, dall’80 al 99%, “coinvolgenti, attuali, informativi, originali, attuali, seri, piacevoli…”. Le informazioni scientifiche presentate nel corso degli spettacoli hanno attirato l’attenzione dei ragazzi (95%) e sono state giudicate “importanti che tutti dovrebbero sapere, ben presentate, chiare, complete esaustive…“. Solo il 6% li ha considereati assimilabili a “tutte le altre iniziative sulla droga”.

Il/la testimonial ex-tossicodipendente si è dimostrato l’elemento più coinvolgente: è vicino per età ed esperienze al target, rappresenta l’esempio tangibile di difficile ma positiva risoluzione del problema e, infine, presenta la propria esperienza di vita in modo semplice, paritetico e senza falsi moralismi. In conclusione, l’idea di base, ossia la sensibilizzazione sui problemi della droga con la diffusione di eventi sul territorio, appare sicuramente vincente.

Un nuovo strumento di prevenzione

Il video ‘Nel bosco della vita’

Creare un nuovo strumento di comunicazione realizzato dai ragazzi per i ragazzi, che arricchisca le proposte di prevenzione di San Patrignano. E’ questa l’idea dei ragazzi del gruppo Audiovisual – uno dei settori formativi della comunità – e del gruppo WeFree che nel mese di settembre 2013 si sono dedicati alla realizzazione di un video rivolto ai giovanissimi, quelli dai 13 ai 15 anni, per sollecitarli a riflettere, a confrontarsi e a condividere opinioni sulle paure, la difficolta di crescere, la gioia di esserci. Troppi sono infatti i rischi di sbagliare strada, di perdersi e abbandonare sottili sicurezze di una vita ancora sconosciuta e tutta da costruire .Come farlo senza censurare il desiderio di scoprire, di conoscere, di misurarsi?

È qui che nasce l’idea del video: regalare messaggi attraverso simboli e metafore. Il bosco come mondo, come organismo caotico e armonico, ed un gruppo di ragazzi che partecipa alla vita, condivide, socializza, gioca. Un gruppo di ragazzi che cresce mentre attorno il bosco fa sentire il suo respiro.
I ragazzi lo sentono, cercano con lo sguardo oltre il confine del vento che gli alita addosso. Non vanno oltre, sanno che hanno un loro tempo e aspettano.
Solo uno di loro perde l’equilibrio, si stacca, rompe, e corre via dietro il vento.

Rapporto-indagine “Per una cultura della vita”

Progetto WePAD

L’indagine presentata è stata svolta nell’ambito del progetto WePAD, sigla che sta per “Prevenzione come Alternativa alla Droga”. WePAD, finanziato dal Dipartimento Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri, vede come Ente Affidatario l’Istituto Tecnico Commerciale “R. Valturio” di Rimini e come Ente Executive la Comunità di San Patrignano. Prevede inoltre la collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Il progetto WePAD ha visto la realizzazione di 25 spettacoli teatrali di prevenzione a partire da marzo 2013, con un coinvolgimento di circa 13.000 studenti. Sono stati inoltre realizzati 10 incontri-dibattiti nelle scuole.
Il rapporto riguarda prevalentemente i risultati derivanti dall’elaborazione dei questionari somministrati agli alunni delle scuole che hanno partecipato al progetto.

Scarica il pdf