AttualitàStorie

Musica

violino

Senti il ritmo nell’angolo più profondo di te. Il respiro si regolarizza mentre tutto il corpo si muove secondo un proprio ordine, un proprio schema, una propria energia

È quel genere di poesia che non sta scritta da nessuna parte, che non hai bisogno di imparare a memoria: o la sai o non la sai.

Nessuno potrà mai insegnarti la musica, il ritmo, la sua essenza stessa. Ci potranno provare ma è un qualcosa di innato, perdersi in un mondo che serve solamente a ritrovarsi, dopo tutto.

Ti sei mai chiesto cosa passi nella mente di un musicista mentre suona la SUA musica? Il tempo rallenta, o accelera: dipende da quello che lui vuole.

E la musica? Lei era già pronta lì dietro: rima che tutto iniziasse, anche prima di saper suonare. Lei era lì ad aspettare, paziente. E quando il suo momento arriva non conta più nulla, si mostra per quello che è. Il musicista è solo lo strumento della musica, tutto viene da sé, non ti aspetteresti mai di poter immaginare quello che stai componendo proprio con le tue mani. Ma in quel momento non sono più mani tue, sono mani di musica, di poesia.

Si proprio lei, la poesia: quella che non potrai mai imparare come una filastrocca bensì quella che appena ti accorgi di conoscere prende possesso di te come niente mai potrà fare. E quando lo fa è un colpo di fulmine, un amore a prima vista, uno di quelli che durano la vita intera. Ti scivola sotto pelle fino ad affondare in profondità le sue radici e cresce sempre più fino a sbocciare dalle dita che si agitano frenetiche alla ricerca della melodia perfetta.

Certi abbandonano la loro opera quando ancora è incompleta, lasciandola così, senza identità.

C’è chi, invece, non demorde: resta accanto a lei fino alla fine. Si fa prendere per mano e si lascia guidare nel folle viaggio alla ricerca della perfezione, dell’essenza di tutta una vita.

Pochi di loro raggiungono il proprio scopo e attraverso la propria mente così umana, così imperfetta riescono ad esprimere questa visione; ma quando succede sappi che è quella che si dovrebbe chiamare musica.

Margherita

Tratto da “SanpaNews”. Scopri come riceverlo